Storia

Industria Molitoria Perteghella: passione, tradizione e innovazione

Nel 2014 l'Industria Molitoria Perteghella ha raggiunto il prestigioso traguardo dei 75 anni di attività. Un lungo percorso imprenditoriale durante il quale l'azienda si è sempre dimostrata capace di evolvere dal punto di vista tecnologico, posizionandosi oggi tra le imprese leader nel suo settore.

Un simile successo non si sarebbe potuto raggiungere senza la tradizione e l'esperienza che la famiglia Perteghella si tramanda ormai da decenni nella gestione della propria impresa.

La storia dell'Industria Molitoria Perteghella è innanzitutto una storia di famiglia.

I primi ad appassionarsi all'arte bianca furono Attilio Perteghella e la moglie Maria Ines all'inizio degli anni Trenta del secolo scorso. Falegname lui, ciabattina lei, nel 1932 acquistarono una falegnameria con mulino a Sarginesco, in provincia di Mantova. L'arte molitoria, sperimentata lavorando al mulino della falegnameria, li coinvolse al punto tale che ad essa decisero di dedicare la loro vita.

Attilio e Maria Ines intrapresero la loro nuova attività di mugnai il 25 novembre 1939 a Solarolo di Goito, dove rilevarono il Mulino Nuovo con la sua ruota ad acqua. Al mulino iniziarono ben presto a lavorare anche i due figli, Bruno ed Ezio, e l'attività molitoria finì per diventare l'attività di famiglia.

L'impresa collezionò i suoi primi successi già nell'immediato dopoguerra. Il Mulino Nuovo, ampliato e dotato dei primi macchinari a corrente elettrica, aumentò sensibilmente la propria produzione e nel 1948 un nuovo mulino, quello di Santa Caterina in Reggio Emilia, si aggiunse alle proprietà della famiglia, che poté da allora contare sul contributo delle nuove leve, i nipoti di Attilio, Romolo e Carlo.

Proprio grazie al contributo di questi ultimi, alla fine degli anni Sessanta, l'attività compì il salto di qualità: da attività artigianale a industria molitoria vera e propria. Furono introdotte importanti innovazioni nel processo produttivo, come la distribuzione diretta e il confezionamento automatizzato, e nel 1972 vennero completati l'ampliamento e l'ammodernamento dello stabilimento di Solarolo.

Nel corso degli anni Ottanta a entrare in azienda fu Attilio, il bisnipote del fondatore, e l'impianto produttivo conobbe un ulteriore potenziamento, raggiungendo nel 1988 le 160 tonnellate di produzione al giorno.

Oggi l'Industria Molitoria Perteghella, che ha una capacità di macinazione giornaliera di 270/300 tonnellate di grano tenero e 80/100 di mais, continua a essere un'azienda all'avanguardia: le certificazioni di qualità ottenute ne attestano infatti la conformità a standard d'eccellenza riconosciuti a livello internazionale. 

Se dell'aspetto esterno dell'antico mulino si conserva ben poco, intatti restano invece l'impegno, la passione e la dedizione con cui la famiglia Perteghella, presente ormai con la quinta generazione nella conduzione dell'azienda, continua a dedicarsi all'arte molitoria e a prendersi cura della propria impresa. Per capirlo è sufficiente incrociare i loro volti, sentirli parlare, osservarli all'opera.

storia2

Altro in questa categoria: « Certificazioni Mulino aperto »

Perteghella.it usa i cookies per il login, la navigazione, gli acquisti e altre funzioni di tracciamento. Accetta per consentire i cookies.